lunedì 5 ottobre 2009

PAN CARRE' ......ricetta delle sorelle SImili

Fare il pan carrè è diventata una necessità, il piccolo duenne mangia pane e marmellata (rigorosamente fatta in casa) solo con il pan carrè, ma chi è come me attento alle etichette quando va a fare la spesa, avrà di sicuro notato che il pan carrè confezionato nel 99% dei casi contiene ALCOL ETILICO, e io dovrei far mangiare a mio figlio un pane con aggiunta di alcol etilico?? NO.
Con questo voglio fare un appello alle persone che hanno per vari motivi non prestano troppa attenzione alle etichette: LEGGIAMO LE ETICHETTE, GLI INGREDIENTI E LE SCADENZE.
Sono sicura che molti di noi se leggesse gli ingredienti di alcuni alimenti, non li comprerebbe piu', magari li comprerebbe lo stesso, ma almeno consapevole di cosa sta comprando.

Image and video hosting by TinyPic

Ingredienti per uno stampo a cassetta quadrato con coperchio di 35x10
750 gr farina 00
30 gr lievito di birra
30 gr burro o strutto morbidi
15 gr sale
380 gr circa di acqua
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di malto.
Versare in una ciotola quasi tutta l'acqua, sciogliere il lievito di birra, unite un pugno o due di farina, poi lo zucchero, il sale, il malto e battete. Unire poi il resto della farina e dell'acqua fino ad avere un impasto morbido ma non appiccicoso. Rovesciate sul tavolo, lavorate battendo qualche minuto poi fate un lungo filone, piegatelo a metà e avvicinate le due parti, attorcigliatele fra loro formando una treccia semplice, un torcione che metterete nello stampo leggermente imburrato.Schiacciate la pasta per pareggiarla ed inserire il coperchio, ma non lo chiudete completamente, lasciarlo aperto 1 cm e far lievitare 1 ora. Chiudete completamente il coperchio e cuocete a 200° ventilato per 50 min circa. Quando esce dal forno, togliete il pan carrè dallo stampo e sistematelo sulla grata del forno, in piedi.

17 commenti:

  1. Io ho comprato la MdP proprio per questo! Brava, facciamo campagna contro questi "abusi" nei nostri confronti!!!

    RispondiElimina
  2. Ti è venuto molto bene il pancarrè , le sorelle simili sono una garanzia!

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, dovremmo tutti fare più attenzione alle etichette... questa poi, alcool etilico? E perché mai nel pan carré andrebbe l'alcool? Fai proprio bene a farlo in casa!!!

    RispondiElimina
  4. io invece sono in attesa della mdp e appena mi arriverà proverò anch'io a cimentarmi in questa delizia!!è proprio bello questo pan carre soffice e morbido gia dalla foto fa davvero gola!!baci imma

    RispondiElimina
  5. Grazie per le dritte sai che non ho mai guardato gli ingredienti di quello industriale e a casa ne consumiamo tanto...stampata la tua ricetta e la provo con la mdp!! ciaoooo

    RispondiElimina
  6. Hai perfettamente ragione, anch'io sto attenta alle etichette e ce ne sono tante pure scadute...questo pan carre è davvero fantastico si vede perfettamente la morbidezza che lo racchiude...brava ti copio la ricetta...ciao ciao

    RispondiElimina
  7. complimenti!! ti è riuscito fantastico!

    RispondiElimina
  8. hai davvero ragione,soltanto ad aprire un pacco di pancarrè sembra di essere in un ambulatorio medico,una puzza di alcol da schifo!!
    e poi le sorelle simili sono una garanzia!!!
    ciao,dauly

    RispondiElimina
  9. io adoro il pancarrè e proverò sicuramente anche la tua ricetta... anche perchè sei sempre stata una garanzia (^_*) eheheheh

    RispondiElimina
  10. complimenti ti è riuscito bene...ciao nanà.

    RispondiElimina
  11. Ciao!
    anche io ho iniziato a panificare...per ora senza MDP...poi vedremo.
    Il sapore non ha paragoni!
    Complimenti per le tur doti culinarie!

    Ciao, Alessandra

    RispondiElimina
  12. Non ci credo....
    navigando tra i tuoi post ho scoperto cha abbiamo tante cose in comune tra cui il fatto di aver ritrovato dopo molto tempo l'amore!
    Passa a trovarmi, mi farebbe piacere!
    Ciao,
    Ale

    RispondiElimina
  13. ho iniziato a farlo anche io quando ho scoperta questa cosa!!!
    bravissima..

    buonfinesett..
    Giulia


    piccipotta
    www.amaradolcezza.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. ciaooo!!!! ma sai che non mi arrivavano glia ggiornamenti del blog, sul blogroll.. e pensavo che non stessi scrivendo più! invece..... mi ero persa quel tiramisù...... :))
    io sul blog ultimamente faccio fatica a scrivere, poco tempo....

    un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Alcool?non lo sapevo ,ma davvero?
    Da oggi mi sa che imparerò anche a fare il pancarrè ,grazie per le diritte ;)

    RispondiElimina
  16. Quanto ti capisco, ogni volta che faccio la spesa è più il tempo che passo a leggere le etichette che a mettere prodotti sul carrello, e quando mi mettono la lista ingredienti nei punti più impervi della confezione mi arrabbio pure. Se mancano le tabelle caloriche poi scarto il prodotto automaticamente.
    Non è questione di fanatismo come pensa qualcuno ma di consapevolezza, poi ti puoi pure imbottire di schifezze ma perlomeno lo fai in "buona fede".
    Non sono attrezzato per fare il pane ma da quando mi diletto a fare dolci ho eliminato quasi del tutto l'acquisto di prodotti come le merendine che mangiavo a colazione, che per me è un pasto sacro. Ora sono felice due volte, perché è sempre una soddisfazione veder nascere dalle proprie mani quello che si mangia, e perché il sapore è proprio quello che piace a me.
    appunto la ricetta, più avanti sono certo che mi attrezzerò a dovere per farla.

    RispondiElimina