giovedì 26 marzo 2009

TOTANI RIPIENI e risottino

Vi racconterei ogni giorno di come si sente una persona nata al mare, lontana dal suo amato mare, ma forse non è il caso, perchè non c'è di bello da sapere.
Manca l'odore del mare, manca il rumore del mare, manca la certez za di poter andare a raccontargli tutto,manca l acertezza di sapere DOVE andare a fare una passeggiata, di potersi mettere in spiaggia a guararlo in qualunque stagione ed ascoltarlo, tanto lui ha sempre qualcosa da dire.
E queste senzazioni non sono l'unica a provarle, anche il nostro amico Argeo si sente così e quando torna in Croazia, dal suo mare, ci porta un po' di odore e sapore di quel bel mare.

Questo pesce era freschissimo, mi guardava ancora in faccia con l'occhio vispo ed era da tanto tempo che non venivo guardata così da un pesce.
I due merluzzi grandi li ho cotti al forno semplicemente conditi con un po' di olio, pan grattato e prezzemolo e appena un pochino di sale, non avevano bisogno d'altro.
Le triglie le ho marinate e poi cotte al cartoccio, ma se riesco ve le spiego meglio piu' avanti.
I totani invece li ho fatti ripieni, e con i tentacoli ci ho fatto un buon risotto.
RISOTTO
Ho fatto un brodo di pesce con un paio di teste delle triglie( non erano belle servite senza testa, ma è stato per una giusta causa), una carota, un sedano e un pezzetto di buccia di limone e un pizzico di sale grosso.
Ho messo in una padella olio, cipolla tagliata molto sottile e l'ho fatta imbiondire, poi ho aggiunto i tentacoli dei totani tagliati a pezzettini piccoli, li ho fatti asciugare un po' e ho aggiunto il riso (300g per 4 persone) ho sfumato con un bicchiere di vino bianco,un Custoza, appena il vino è evaporato tutto, ho iniziato a mettere il brodo, un mestolo alla volta mescolando finchè il riso non era cotto. Non ho aggiunto sale perchè il pesce era già saporito di suo e il brodo ne aveva già un po'.

Ma ora veniamo ai totani, ricettina semplice semplice, ma molto gustosa.
Ingredienti
un panino raffermo,
latte,
2 uova,
grana grattugiato ( a piacere)
prezzemolo,
sale,
pepe
se serve pane grattugiato.
Ovviamente parliamo già di totani puliti e facciamo il ripieno.
Bagnamo il panino raffermo con latte, finchè diventa morbido, lo mettiamo nel mixer insieme alle uova, il grana grattugiato (io ho iniziato mettendono 3 cucchiai, poi pero' si vede la consistenza), prezzemolo, sale e pepe.
Facciamo andare il mixer e quando tutti gli ingredienti sono amalgamati controlliamo la consistenza, deve essere come l'impasto per le polpette, se è troppo molle, possiamo aggiungere del grana, ma prima è meglio assaggiare che non diventi troppo saporito e se per il nostro palato il sapore è già forte, possiamo aggiungere pane grattugiato per raggiungere una buona consistenza.
A questo punto riempiamo i totani con il composto e li chiudiamo all'estremità con uno stuzzicadenti.
Mettiamo in una padella abbondante olio, lo facciamo scaldare un po' e mettiamo i totani, li facciamo appena rosolare da tutti i lati e poi una sfumata con vino bianco Custoza, aggiungiamo un po' di acqua o di brodo vegetale e copriamo la padella, intanto dai totani uscirà un pochino di ripieno che servirà per fare un buon sughetto di accompagnamento.
Facciamo andare per circa una ventina di minuti e li facciamo freddare, qaundo sono freddi li tagliamo a fettine e prima di servirli, li scaldiamo nella stessa padella con lo stesso sughetto.
Io poi li ho serviti direttamente nella padella, per far andare perso nemmeno un po' del sughetto delizioso che s'era formato.


A questo punto poteva mancare il dolce? Chi non lo ha mangiato non credo possa capire, è una delizia unica per il palato, anche per me che nona mo i dolci, si chiama Krempita, è un dolce croato, tipo gelato, di una bontà indescrivibile, ho già reperito la ricetta e appena riesco provero' a farlo in casa.

15 commenti:

  1. il dolce sembra ssquisito e i totani ripieni sono ottimi !

    RispondiElimina
  2. Si, ti capisco, io non riuscirei a vivere lontano dal mare, anzi quando mi capita di esserne lontana, sento una nostalgia...
    I totani sembrano buonissimi ed apstto pure la ricettuzza del dolce:p

    RispondiElimina
  3. Che dispiacere sentirti così malinconica... Hai ragione, vivere lontani dal paesaggio a cui si è stati abituati fin da bambini non dev'essere facile... lo si può solo mettere nel piatto, come hai splendidamente fatto tu. Sia che mi hai dato una dritta fondamentale per i totani ripieni? Pensa che io li cuocevo ben 20 minuti in pentola a pressione, equivalenti a 40 in pentola normale, invece, tu mi insegni, basta metà tempo. Questa informazione mi è utilissima, perché li ho in freezer e intendo farli a giorni, ridurrò i tempi secondo le tue indicazioni. Grazie!

    RispondiElimina
  4. mmm quanto mi piacciono...li fa spesso mia mamma cosi uguali ai tuoi e ne porta sempre un piatto a me:-)bacioni imma

    RispondiElimina
  5. buonissimo, mi hai fatto venir voglia di farmeli!!!

    RispondiElimina
  6. I totani ripieni ci piacciono moltissimo!!!
    e questo dolce è semplicemente una meraviglia..devi assolutamente farci conoscere la ricetta!!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. proprio ieri sera mia mamma ha fatto i totani ripieni!!che buoni che sono!
    e che dire del risottino, squisito!!
    il dolce un finale davvero super goloso!!

    RispondiElimina
  8. il mare... il suo rumore, il suo odore, la sua sabbia... quanto mi manca il mare!

    ...e il pesce! non vedo l'ora di farmi scorpacciate giù in Sicilia! :9 Mia madre cucina le seppie ripiene e con i tentacoli fa le polpettine! Da leccarsi i baffi e le dita! :9

    RispondiElimina
  9. Mary:grazie
    Sweet: mai dire mai, io non riuscirei, nemmeno riesco, ma per ora devo.
    Onde:Grazie per le belle parole, garzie di cuore, questa malinconia mi vive accanto ogni giorno e appena vedo un raggio di sole si fa piu' intensa.
    Per i totani se sono belli freschi basta poco per cuocerli, altrimenti si induriscono.
    Imma: pero' i piatti fatti dalla mamma sono sempre i migliori, anche se le ricette sono le stesse.
    Micaela: ci vuole poco, falli falli.
    Manu e Silvia: si appena ho un attimo la provero' e quando saro' soddisfatta del risultato postero' tutto.

    Chiara: hai ragione, sono proprio buoni
    Ste: chi meglio di te puo' capire di cosa sto parlando??

    RispondiElimina
  10. i totani sono squisiti!!!e idem il dolce!!! baci e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  11. Accipicchia quante meraviglie!! quel dolce fà una golaaa

    non lo conoscevo!!! bacini e buona serata!

    RispondiElimina
  12. un pranzo di pesce! buonissimo, io faccio i calamari ripieni più o meno allo stesso modo, poi ci metto il pomodoro e condisco gli spaghetti,la tua versione in bianco mi piace molto dovrò provarla un bacio

    RispondiElimina
  13. ...fantasticiii!!!! per non parlare del dolce..!!!^_^Minù!!!
    ..ps..complimenti per il blog e per le ricette fantastiche!!!

    RispondiElimina
  14. Io sono di Trieste....quindi di quel dolce ne ho fatto scorpacciate....grazie per avermi riaperto la porta dei ricordi!!! Ora abito da un'altra parte, quando lo farai sarò volentieri tua ospite...

    RispondiElimina
  15. ke fame cn le tue ricettone!mai mangiati così sono da cucinare subito subito! con qlk differenza(patate) li trovi qui http://lacucinadiegle.blog.tiscali.it
    ciao ciao a presto.torno a trovarti.
    luana

    RispondiElimina