mercoledì 11 febbraio 2009

ANTONELLA E LE TRECCINE ZUCCHERATE

La mattina i miei uomini fanno colazione con questo bicchiere di latte nel quale affondano tanti biscotti, stamattina ho voluto cambiare le abitudini di entrmabi, per Blunight non c'è problema, lui si adatta a tutto, ma per il piccolo quasi duenne non è stato facile fargli capire che al posto dei soliti biscotti la mamma s'era ostinata a mettere dell'altro nel bicchierone di latte, vabbè mangerà per merenda queste delizie.

Sempre girovagando in fretta e furia tra i vostri meravigliosi blog ho trovato una bella ricetta veloce e sfiziosa da Antonella.
Il caso ha voluto che leggendo su facebook di una mia amica, Antonella anche lei, che stava facendo delle frittelle, mi è venuta voglia di imapstare e allora ho impastato pensando alle due Antonella. Vi copio e incollo la ricetta così come l'ha trascritta Antonella (di croce e delizia) nel suo post.


Treccine zuccherate
ricetta tratta dal ricettario PaneAngeli

Per l’impasto
500 g farina
*50 g zucchero
scorza grattugiata di un’arancia
1 uovo
75 g burro
275 ml latte tiepido
20 g lievito di birra
pizzico di sale
Per rifinire
50 g burro morbido
50 g zucchero
1 uovo
Per lucidare
3 c.ai di acqua2 c.ai di zuccherozucchero semolato per decorare

*Io ho utilizzato 350 g di farina 00 e 150 g di manitoba. (io invece ho usato 400 di manitoba, ma credo che la differenza sia poca)

Procedimento
Setacciare le farine e disporle sul piano da lavoro. Al centro del mucchio praticare una buca e versarvi il lievito sciolto in un po’ del latte tiepido, lo zucchero, la scorza d’arancia, l’uovo il sale e il burro sciolto ma tiepido. Amalgamare il tutto con l’aiuto di una forchetta aggiungendo poco per volta il restante latte tiepido. Lavorare l’impasto sul tavolo per almeno 10 minuti poi metterlo in una terrina infarinata , coprirlo con del cellophane e porre a lievitare in luogo tiepido fino a quando il suo volume sarà raddoppiato ( 1 ora circa)

Montare il burro a crema con lo zucchero.Stendere l’impasto ben lievitato in una sfoglia rettangolare (48x34 cm) e tagliarla in 3 rettangoli (34x16 cm).
Spalmare metà del burro montato su un rettangolo di impasto, sovrapporvi il secondo rettangolo, spalmare il burro rimasto e sovrapporre l’ultimo rettangolo rimasto.
Ritagliare 20 pezzi (8x3 cm circa), prenderli dalle due estremità ed attorcigliarle formando una treccia che disporrete su una palcca da forno foderata di carta forno, premendo bene le estremità.
Porre a lievitare la teglia, coperta, una seconda volta per circa 20-30 minuti.Spennellate le trecce con un uovo sbattuto e cucete nella parte media del forno preriscaldato a 180° (statico) per circa 10-12 minuti.
Fate sciogliere in un pentolino l’acqua con lo zucchero e, appena sfornate, lucidate le trecce con la soluzione ottenuta. Spolverizzate subito con dello zucchero semolato.

Vi assicuro che vale la pena provare, io ho iniziato ad impastare alle 18 , subito prima di cena ho formato le treccine e per le 21.00 erano già sfornate.

23 commenti:

  1. Io prediligo le preparazioni un po' più veloci,il risultato è favoloso,quindi=le voglio fare!!!

    RispondiElimina
  2. una colazione così la vorremmo anche noi!!!
    queste treccine sono fantastiche...e chissà che morbide!!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. deliziose tamare le devo rifare anch'io perche mi piacciono da morire:-9bacioni imma

    RispondiElimina
  4. bellissime...sono da copiare subito:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. Le brioche rifiutate dal tuo bambino posso mangiarle io? Sembrano meravigliose!

    RispondiElimina
  6. meravigliose!! le compro spesso dal panettiere!! ti sono venute benissimo!!

    RispondiElimina
  7. anche tu li hai fatte , a me sono venuti leggermente diverse ma mi piace il tuo , brava.....baci!

    RispondiElimina
  8. Belle! Ho contagiato più di qualcuno con queste treccine ed a tutte è venuta fuori una forma diversa :)
    La prossima volta voglio farcirle con la marmellata di arance, tu hai usato qualche variante?

    RispondiElimina
  9. le treccine di Antonella mi avevano già colpito ora che vedo le tue mi chiedo cosa ci faccio ancora al pc? ;)

    RispondiElimina
  10. Vedo che anche tu ti sei sbizzarita con queste fantastiche treccine!!!!!!!!
    Buonissime, appena il bimbo le assaggia le divorerà in un attimo ciao

    RispondiElimina
  11. Ohhhh...somigliano una cifra alle trecce del mulino...bisogna che il quasi duenne si invogli alle novità...hihihi

    Smak

    RispondiElimina
  12. troppo buone,sono la mia colazione fuori casa preferita

    RispondiElimina
  13. una meraviglia come la torta qui sotto! che golosità

    RispondiElimina
  14. Ciao, innanzitutto complimenti per il blog!
    Anch'io sono marchigiana come te e mi ha fatto un'enorme piacere vedere la ricetta degli arancini! Li mangiavo sempre da piccola e li adoro!! :)
    Volevo chiederti, visto che hai già postato due bellissime ricette per i dolci di carnevale, se conosci anche quella delle VERE castagnole!
    In giro se ne vedono molte, ma nessuna mi convince o mi sembra dare risultati simili a quelle che mangiamo noi nelle Marche.

    Ciao,
    Maria :)

    RispondiElimina
  15. Mmmmhhhhh ottime...da provare sicuramente!!!!!!
    Bravissima ciao ciao Lidia

    RispondiElimina
  16. ciao MAria, bhe dipende, da noi i dolci di carnevale sono un po' tutti le castagnole.
    Se intendi quelle fritte a cucchiaiate nell'olio ti do un 'anteprima, io le faccio così:
    ogni uovo: un cucchiaio di zuk, un bicchiere di latte , un cucchiaio di olio evo, farina quanto basta lievito.

    RispondiElimina
  17. non ci sono parole, bellissime queste treccine!!

    RispondiElimina
  18. posso venire a fare colazione da te? Che belle e che buoneeeeeeee!

    RispondiElimina
  19. uh, scusa ero io... non ero loggata!

    RispondiElimina
  20. questi gli ho fatti e sono buonissimi . grazzie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  21. sono davvero deliziose queste treccine!
    ieri le ho preparate e.....hanno fatto il fumo! :-)
    eccole qua: http://www.ilblogdimile.net/?p=169

    ciao ciao e..continua così ;-)
    MILE

    www.ilblogdimile.net

    RispondiElimina