giovedì 18 settembre 2008

RISINI

Io non ne avevo mai sentito parlare, poi la Golosastra me li presenta così.
Vengo così a sapere che si tratta di un dolce tipico veronese, cerco di informarmi e mi dicono: ma scusa non li hai mai visti nelle pasticcerie a Verona? Diciamo che non sono una frequeantatrice di pasticcerie, ma io non li ho mai e poi mai visti.
Pero' questa specie di crostatina con il riso dentro mi intriga e cerco, mi documento e mi tiro fuorio una bella ricettina.
La pasta frolla l'ho adattata un po in modo che fosse morbida, ma non di quelle con lievito che è troppo morbida e ha poco burro.
Pasta frolla
150 gr burro di malga
150 gr zucchero a velo
350 gr farina 00
1 uovo
1 pizzico di sale
Nel mixer ho messo in ordine : il burro freddo tagliato a pezzetti, lo zucchero, la farina, il sale e infine l'uovo.
Secondo me questa frolla non ha bisogno di riposare molto, ma io per esigenza l'ho tenuta 24 ore in frigo ed era strepitosa, anche merito sempre del mio burro di malga che aimè ho finito . URGE GITA IN MONTAGNA!!!

Per il ripieno ho seguito la ricetta della mia amica veronese doc Frrlaura, pero' al posto della vanillina ho usato la stecca di vaniglia ed ho eliminato il burro
1\2 lt di latte
una stecca di vaniglia
100g riso
un pizzico di sale
50g zucchero
2 uova

Bollire il latte con lo zucchero e la vaniglia, aggiungere il riso e cuocere fino a completo assorbimento del liquido (circa 45 minuti), lasciare intiepidire, aggiungere i tuorli ad uno ad uno, quindi gli albumi montati a neve.
Con la frolla ho foderato i miei stampini da crostatina , (li avevo acquistati quest'estate e aspettavano proprio una preparazione del genere per essere rinnovati), ho riempito con la crema di riso fino all'orlo e ho infornato a 180gradi per 30 minuti.
Veramente buonissimi, volevo farli assaggiare a qualche veronese doc per vedere se erano gli stessi o se somigliavano almeno un po' a quelli delle pasticcerie, ma non ho fatto in tempo, finiti!
scomparsi! dileguati!
Ora aspettiamo i commenti sull'estetica, visto che è rimasta solo la foto.

15 commenti:

  1. eh no!!! questa la devo provare anch'io!!! Clap clap clap!! bravaaaa

    RispondiElimina
  2. GRAZIE tzu, prova porva poi mi sai dire, le tue belve divoreranno, il mio piccoletto ha gradito e ripeteva : TOTTA TOTTA (torta)

    RispondiElimina
  3. Cara, ma che tipo di riso hai usato? Quello da minestre? Perché i miei dolci di riso rimangono sempre duretti, non vorrei fosse perché ci metto quello da risotti...

    RispondiElimina
  4. il riso è il vialone nano (tipico veronese), volevo modificare il post, ma non sono piu' riuscita per problemi di pc.

    RispondiElimina
  5. A me sembrano bellini proprio! Altro che i miei che erano dei RISONI! Devo procurarmi gli stampini piccini, ho solo quelli per le crostatine ma sono troppo grandi! Mi sa che se continua il brutto tempo mi butto alle cortivenete e vado al negozietto di cosine da cucina... così poi posso sperimentare la tua ricetta! BRAVA! Assosolutamente approvata la scelta della vaniglia al posto della vanillina, del vialone nano e soprattutto del burro di malga per la base!

    RispondiElimina
  6. grazie golosastra, detto da te fa molto molto piacere, dato che io non li avevo nemmeno mai visti.
    Alla Plurimix li hanno di tutte le misure, sono un po caretti, ma di sicuro migliori dei miei pagati poco in un negozietto di roba importata.

    RispondiElimina
  7. Mai provati e conosciuti però promettono bene, complimenti per tutte le tue ultime delizie, un abbraccio

    RispondiElimina
  8. tra il cheese e i risini mi è venuto una voglia di dolce ;)

    RispondiElimina
  9. Questa ricetta mi mancava proprio. Si trova in tutte le pasticcerie e i bar della mia zona, in alternativa a croissant e krapfen per la colazione. E' il "dolcino" preferito mio e di mia mamma quando facciamo colazione al bar. Grazie davvero.

    RispondiElimina
  10. Ciao...:-) Soleluna del blog http://stegnatdepolenta.myblog.it/ ha iniziato una simpatica raccolta con la zucca....partecipa anche tu...entra nel suo blog e leggi il regolamento:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  11. ANICESTELLATO grazie per i complimenti che fanno sempre un gran piacere.
    LO voglia di dolce?non ti resta che impstare!
    ALEX grazie per la visita, il tuo nome per me promette già molto molto bene, con calma ti faro' visita anch'io visto che alla prima occhiata il tuo blog promette molto bene.e per i risini,devo proprio farmi un giro in pasticceria e farci caso.
    UNIKA grazie per l'invito, anche se io con la zucca sono molto monotona, ma vedro' di darmi da fare.

    RispondiElimina
  12. qualche pasticceria li fa anche qui... che bontà! grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  13. spettacolo!!! copiati! grazie, eli

    RispondiElimina
  14. Non sono di Verona, ma nata a Mantova, questi sono stati i dolcetti della mia infanzia...e non ho mai riprovato a farli...che sia la volta buona?

    RispondiElimina
  15. ho capito, solo io non li avevo mai visti........

    RispondiElimina